Ingegnere in India sviluppa biocarburante per alghe "a basso costo"

  Agricoltura marittima 2022 UE
Biocarburante alghe Più chilometraggio

Coltivazione di microalghe in uno stagno presso lo stabilimento di produzione di More Mileage a Ranchi, Jharkhand, India. Fonte: Vishal Prasad Gupta

INel 2020, l'ingegnere Vishal Prasad Gupta ha ricevuto l'approvazione dal Ministero dell'Unione per il petrolio e il gas naturale per creare "More Mileage", la sua pompa di benzina, a Ranchi, Jharkhand, in India. È stato accreditato di innovare a biocarburante prodotto da una specie di microalghe originario degli stagni di Jharkhand, che secondo lui non solo è più rispettoso dell'ambiente rispetto a benzina e diesel, ma è anche più economico.

Il biocarburante, che può essere utilizzato in tutti i veicoli con motori diesel EM590, costa Rs 78 ($ 1.05 USD) al litro, un'alternativa più economica al diesel, che attualmente ha un prezzo di Rs 92 ($ 1.23 USD) a Ranchi. Nel frattempo, il bioetanolo costa Rs 72 ($ 0.92 USD), che secondo Gupta può sostituire la benzina attualmente al prezzo di Rs 99 ($ ​​1.33 USD) al litro.

“Vengo da una famiglia petrolifera e ho sempre voluto sviluppare un carburante a emissioni zero e conveniente per l'uomo comune. Mio nonno ha lavorato per la Burma-Shell nel 1932 (ora Bharat Petroleum) e mio padre ha iniziato a lavorare anche per la Indian Oil Corporation (IOC) come commerciante nel 1969", ha detto a Tulika Chaturvedi di thebetterindia.com.

Dopo essersi laureato al Birla Institute of Technology, Mesra, il sig. Gupta ha lavorato come specialista di marketing con TotalEnergies SE (allora Total France), una multinazionale del petrolio e del gas che aveva un protocollo d'intesa attivo con IOC. Ha anche lavorato con diverse altre unità PSU (Public Sector Undertaking) per 15 anni prima del suo lavoro di ricerca sui combustibili di terza generazione nel 2018, quando anche il governo dell'Unione aveva approvato il Attuale politica nazionale sui biocarburanti.

Il sig. Gupta ha collaborato con il dott. Kumar Bhupati, professore alla Birsa Krishi Vishwavidyalaya a Ranchi, che stava effettuando ricerche sulle microalghe come mangime per il bestiame, grazie al suo ricco contenuto di proteine, amminoacidi, minerali e altri nutrienti. Fu allora che il Sig. Gupta realizzò il le alghe avevano componenti chimici simili a quelli del petrolio greggio, e che potrebbe essere utilizzato per sviluppare biocarburanti.

Gli ci sono voluti circa due mesi per ricevere l'approvazione per la sua creazione dalla Petroleum Conservation Research Association, del governo indiano. Dice che grazie alla buona volontà di cui gode nella sua città natale e una forte rete nel settore, è stato facilmente in grado di commercializzare il suo prodotto. Sostiene di vendere fino a 2,000-2,500 kilolitri (kl) di biocarburante al giorno e fino ad oggi ha venduto circa 250,000 kl di biocarburante. Ha anche effettuato vendite commerciali a Tata Motors (250 kls) e Damla Bharat Cement (500 kls).

Possiede un impianto di produzione insieme a Namkum - uno che ha acquistato da un amico che in precedenza vendeva olio di karanja e olio di mahua - con una capacità di produzione giornaliera di 70,000 kl. Con un team di 35 dipendenti, lo stabilimento è operativo da dicembre 2020.

Mr. Gupta è attualmente in trattative con i funzionari civici per perseguire un Memorandum of Understanding (MoU) con la Ranchi Municipal Corporation. L'accordo gli consentirà di utilizzare le dighe cittadine per la coltivazione di alghe e la produzione di biocarburanti su scala più ampia.

Come funziona?

Spiegando il processo, il signor Gupta ha detto che una specie di alghe chiamata Azolla pinnata, che contiene una notevole percentuale di olio, viene estratto dallo stagno e immesso nel composto chimico esene. Dopo essere stato trattato nella pianta, diventa un lipide in forma liquida prima di raggiungere la sua forma finale di biodiesel o bioetanolo.

Per ogni lotto di produzione vengono prodotti fino a 7,000 kl di biocarburante, afferma. Mentre poco più di 13 ore di luce solare sui 13 stagni della pianta sono considerate parte integrante del processo, i locali della pianta hanno anche lampade a raggi ultravioletti per aiutare la coltivazione di microalghe durante la notte. I membri di una ONG locale aiutano nella raccolta e nella manutenzione degli stagni. Il sig. Gupta ha anche ottenuto dalle autorità civiche il permesso di utilizzare gli stagni pubblici della città. (È lo stesso delle frasi precedenti che descrivono il MOU e l'uso delle dighe?)

Tutti i diritti riservati. Permesso richiesto per ristampare gli articoli nella loro interezza. Deve includere dichiarazione di copyright e collegamenti ipertestuali in tempo reale. Contatto david@algaeplanet.com. Algae Planet accetta manoscritti non richiesti a titolo oneroso e non si assume alcuna responsabilità per la validità delle affermazioni fatte nell'editoriale inviato.

Seagriculture USA 2022
Algametria Ad

Donne di alghe

Sottoscrivi

Consiglio di lavoro per l'industria delle alghe

Post Passati

Una guida per principianti

Iscriviti a Algae Planet

Unisciti alla nostra lista di abbonati per ricevere le ultime notizie e gli aggiornamenti da Algae Planet.

È stato sottoscritto con successo!