ExxonMobil (ancora) vede Green Gold

algaeurope.org   Donne di alghe

A​​​​come riportato di recente dal Wall Street Journal, ExxonMobil afferma di essere più vicino al suo obiettivo di rifornire aerei a reazione e autocarri pesanti con olio distillato da alghe utilizzando l'ingegneria genetica. Basandosi sui recenti successi, compreso lo sviluppo di un ceppo di alghe ad alto contenuto di petrolio, ExxonMobil e Viridos, ex Synthetic Genomics, stanno intensificando la loro ricerca sulle alghe e mirano ad avere la capacità tecnica di produrre 10,000 barili di biocarburante alghe entro il 2025. Con sussidi governativi e incentivi, affermano di essere sulla buona strada per rendere commercialmente redditizio il biocarburante delle alghe entro la fine del decennio.

Alcuni scienziati considerano la ricerca di lunga data della ExxonMobil Corp. per trasformare le alghe in un carburante per il trasporto come poco più di una trovata pubblicitaria. Il gigante del petrolio dice che si sbagliano. Vijay Swarup, vicepresidente dell'azienda per la ricerca e lo sviluppo, ha affermato di essere consapevole della percezione che l'azienda stia utilizzando la ricerca sulle alghe per lucidare le sue credenziali ecologiche. ExxonMobil ha fatto promesse eccessivamente ottimistiche che hanno alimentato tali critiche, ha affermato Swarup, ma il progetto e i suoi progressi sono reali.

"C'è sempre questo ottimismo irrazionale ed esuberanza all'inizio", ha detto Swarup. “Devi avere una visione. Dopodiché, è 'mostra i progressi.'”

Questo video mostra parte del lavoro di ricerca e sviluppo svolto dalla partnership Viridos-ExxonMobil.

Tutti i diritti riservati. Permesso richiesto per ristampare gli articoli nella loro interezza. Deve includere dichiarazione di copyright e collegamenti ipertestuali in tempo reale. Contatto editorial@algaeplanet.com. Algae Planet accetta manoscritti non richiesti a titolo oneroso e non si assume alcuna responsabilità per la validità delle affermazioni fatte nell'editoriale inviato.

pubblicità
Algametria Ad

Sottoscrivi

Consiglio di lavoro per l'industria delle alghe